Recensioni

Il segreto della speziale

Oggi vi parlo de:

~Il segreto della speziale

~Autore: Sarah Penner

~Editore: HarperCollinsitalia

~Genere: romanzo storico

~In libreria dal 7 ottobre 2021

~384 pagine

~Trama:

Nascosta nei vicoli della Londra settecentesca, la piccola bottega di una speziale è frequentata da una clientela inusuale. Le donne di tutta la città sussurrano fra di loro il nome della misteriosa Nella, che vende veleni difficili da rintracciare e che possono essere usati contro gli uomini che le opprimono. Le regole sono poche ma ferree: il veleno non deve essere mai usato contro un’altra donna; il nome delle vittime e delle assassine verrà per sempre conservato nei registri della bottega. Eliza ha solo dodici anni quando entra dalla porta con l’insegna di un orso per richiedere, su ordine della sua padrona, un potente veleno. Da subito capisce che quel mondo magico, fatto di boccette di vetro, erbe odorose e ingredienti oscuri, è fatto per lei. E chiede alla speziale di poter diventare la sua assistente. Ma sarà proprio un errore di Eliza a sconvolgere il delicato equilibrio del piano di Nella e a scatenare terribili conseguenze che avranno eco nei secoli a venire. 

Nella Londra di oggi, una ragazza americana appassionata di storia, Caroline Parcewell, trascorre il suo anniversario di nozze in solitudine, fuggendo dai demoni che la perseguitano.

Non si aspetta certo di ritrovare, nascosto nelle acque del Tamigi, un indizio che può essere la chiave per spiegare la serie di delitti irrisolti perpetrati due secoli prima. Eppure, le spire del veleno della speziale sono ancora pericolose, e qualcuno potrebbe non sopravvivere…

~Considerazione personale:

Una storia che si snoda tra presente e passato tra le strade di Londra.

Abbiamo Nella, proprietaria di una antica bottega di spezie tramandatagli dalla madre: la donna, dopo essersi sentita tradita da una persona a lei importante diviene dispensatrice di tinture e veleni. Sarà così che conoscerà Eliza, una ragazzina di dodici anni, mandata lì dalla sua signora per un rimedio contro il marito.

Una cliente come tante, se non fosse per la curiosità e il legame che in poco tempo la legherà alla speziale. E proprio questo legame e una disattenzione potrebbero metterle in pericolo entrambe. Sarà così?

Nel presente, invece, troviamo Caroline, una ragazza che per molti versi possiamo accomunare a Nella: anche lei è stata tradita e ha un desiderio di maternità inespresso. Nel suo viaggio in solitaria a Londra, in una seduta di mudlarking nel fiume (letteralmente vuol dire scavare nel fango) trova una strana boccetta con il disegno di un orso e questo la porterà a riaccendere la sua passione per la storia, accantonata dal matrimonio, e a fare delle scoperte scolvolgenti. Non voglio dire di più sulla trama, dovrete leggerlo per capire.

La storia è interessante, ho apprezzato i tre diversi punti di vista delle tre donne che vi ho citato e la doppia linea temporale tra il 1800 e i giorni nostri. Nella e Caroline sono due donne molto simili, che hanno sofferto nella loro vita, che sono state ingannate, tradite, che hanno messo da parte i loro sogni per l’uomo che avevano accanto.

La trama all’inizio può sembrare un po’ lenta, ma credo l’intenzione dell’autrice sia di farci entrare nel contesto storico delle stessa Londra, ma così diversa in due epoche a confronto. Ammetto che verso la fine la trama si anima di colpi di scena che in un primo momento potrebbero anche farvi rimanere male, ma il mio consiglio è arrivare alla fine e fare combaciare tutti i pezzi del puzzle.

Mi è piaciuto molto il rapporto stretto che si crea tra Nella ed Eliza: credo che ognuna riconosca nell’altra quello che ha perso, ovvero una figlia e una madre. Anche il personaggio di Caroline ha i suoi aspetti positivi: all’inizio sembra una donna spaesata e annotata, ma un pomeriggio diverso, a scavare nel fiume, le ridà quella scintilla persa. La storia, i manufatti, le ricerche riescono a rianimarla e farle capire cosa fare del suo futuro e del suo matrimonio.

È una storia sulle seconde occasioni, sul non lasciarsi annientare dagli altri, dall’amore ma mettere anche i propri desideri e bisogni al centro. È una storia che ha quel pizzico di magia che non guasta e che saprà intrattenervi e anche farvi riflettere. Troverete anche un po’ di thriller, quando anche per Caroline le cose si metteranno male…

La consiglio a chi ama la storia, le antiche botteghe, i segreti. A chi vuole lasciarsi incantare e travolgere dal potere delle donne, che qui sono le protagoniste principali a tutto tondo.

Ringrazio la casa editrice per questa lettura e per la disponibilità e collaborazione. Un grazie a chi ci legge e segue.

Non mi resta che rimandarvi al prossimo libro.

A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...