Recensioni

Ombra d’argento

Buongiorno,

Oggi partecipo al review party di un romanzo che ho potuto leggere in anteprima. Si tratta di:

~Ombra D’argento

~Autore: Benedetta Cipriano

~Genere: Contemporary Romance

~Data del release: 15 settembre 2021

~Pubblicato in self publishing

~Trama:

C’è un momento nella vita in cui credi di aver perso ogni cosa.
È successo a me, è successo a qualcun altro e forse succede a tutti.
Ma io non ero pronta ad accettarlo. Non ero pronta a mettere da parte le mie sneakers consumate, il mio zaino in spalla e la mia anima da vagabonda. Perché viaggiando ho imparato a guardare il mondo con nuovi occhi e ad alleggerire il cuore.
Il cuore, quel muscolo al centro del petto che inarrestabile continua a battere, anche quando ti senti troppo stanco per continuare a lottare.
Perché quando la vita ti pugnala alle spalle, decidendo di ridurre i tuoi sogni in polvere, distruggendo il tuo sorriso e infilzando la tua anima con un milione spilli, non puoi far altro che provare a stare a galla per non affondare.
Ma io non ero abituata a stare a galla. Non ero abituata a sopravvivere. Io ero abituata a vivere. A sentire la mia anima incendiarsi come un fuoco d’artificio, i miei occhi azzurri brillare anche durante la notte più cupa e le mie mani tremare per l’emozione.
Mi chiamo Malena e, prima che il destino decidesse di giocarmi un brutto scherzo, ero dinamite.
Ero fuoco, vento, tempesta.
Adesso non sono altro che un ricordo sbiadito di ciò che ero. Uno sguardo senza luce e un cuore senza scintille.
Ma nonostante tutto, non sono ancora pronta ad arrendermi.
Così, ho deciso di partire, ma non per girare il mondo. Ho deciso di farlo per ritrovare me stessa.
Quello che non avrei mai immaginato, però, è che lì, nel cuore della pampa argentina, in un casale lontano dal caos della realtà, avrei incontrato lui…
Lui, con il suo sguardo da sognatore e l’anima d’artista.
Lui, con le sue dita sporche di colore e il cuore in subbuglio.
Lui, con l’aria da burbero e la lingua tagliente.
Lui, distrutto e arrabbiato quanto me.
Lui che… senza chiedere il permesso, al buio, ha riacceso una scintilla: la mia.

~Considerazione personale:

Una storia ricca ed emotiva che saprà trascinarvi via. Un dolore che non scompare, ma cui si impara a condividere. Due personaggi molto diversi che riconoscono nell’altro quella scintilla per ricominciare a vivere. Perché è così: Malena e Leon hanno fatto i conti con una vita che gli ha dato tanto, ma allo stesso tempo tolto quella ragione di esistere. Lei, una viaggiatrice che ha girato il mondo e ha lasciato il cuore nel sud dell’Italia, è costretta a ritornare e rimettere in discussione ogni cosa. Lui è un pittore di grande successo nonostante qualcosa stia cambiando e lo renda più insicuro sul suo futuro. Entrambi arrabbiati, persi, apatici e senza prospettive… Almeno finché in un casale immerso nella natura si incontrano e si scontrano. Leon è un maestro esigente e Malena non si conforma alle regole, ma pian piano, grazie alle loro chiacchierate nel cuore della notte, impareranno a fidarsi e ad aprirsi, a guardarsi e vedersi in modo diverso e profondo, come mai prima con nessun altro. Non sarà un percorso facile, molti ostacoli a dividerli, paure e incomprensioni in agguato e una vacanza che prima poi finirà e potrebbe dividerli…

Devo dire che ho divorato questo romanzo, mi sono immersa nella trama e sono stata trasportata dalle vicende e dai suoi personaggi così particolari, ma veri, umani. Dalle emozioni e sensazioni che l’autrice ha saputo trasmettere, uno stile semplice e a tratti poetico che invoglia la lettura. I capitoli hanno la giusta lunghezza che porta a saperne di più e ad andare avanti. Ho amato i personaggi principali, credo si sia capito! Una coppia che colpisce al cuore. Anche i personaggi secondari sono degni di nota: Veronica, Francisco, ma anche il padre e la tata di Leon, Nives.

I temi trattati sono molteplici: diciamo che è tutto una grande metafora che gioca con il senso di luci e ombre, non solo in maniera letterale, ma a un livello più profondo. Le ombre interiori, le paure, i timori che ti attanagliano e ti lasciano inerme, vuoto. C’è la ricerca di se stessi, i passi in avanti e quelli indietro, ci sono dei sentimenti che non si ha il coraggio di ammettere fino in fondo e c’è l’arte, vibrante, eclettica, quella che sporca le dita e che è specchio dell’anima. C’è la libertà di andare, di non tarpare le ali all’altro e la speranza di un ritorno atteso ma mai certo. C’è il forte legame che si avverte immediatamente tra i protagonisti, un qualcosa che non si spezza mai perché quasi inconscio. C’è l’amicizia, l’aprirsi agli altri, il cercare di mostrarsi per quello che si è senza paura di essere giudicati.

È il secondo libro che leggo di questa autrice, ma credo sia da tenere d’occhio.

Vorrei consigliarlo a chi ama le storie profonde, introspettive ed emozionanti. C’è la sostanza, come mi piace dire sempre.

Ringrazio Benedetta per la lettura in anteprima e per avermi fatto partecipe all’evento: è sempre un piacere. Grazie a chi ci segue e legge: oltre alla bellissima cover fatevi tentare dalla trama e dal romanzo in sé.

Non mi resta che rimandarvi al prossimo viaggio.

A presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...